Notizie

27 ott 2014

LA NOSTRA VENDEMMIA 2014

Facciamo vino dal 2004, abbiamo imparato molte cose sino ad oggi ma dobbiamo dire che la Vendemmia 2014 ci ha insegnato molto di più.

La Natura è la vera protagonista nel bene e nel male del destino del nostro vino.

Noi ci limitiamo a partecipare con modestia e rispetto, facciamo i nostri interventi di prevenzione, limitiamo lo sviluppo fogliare, scegliamo e diradiamo i grappoli, ecc…… ma quando la Natura fa le sue scelte il prodotto che otterremo sarà fortemente condizionato da quest’ultime. (n.b. questo lo affermiamo noi perché facciamo il vino con l’uva, altri, molto più bravi di noi a fare il vino in cantina, potranno anche dire che è un’annata buona come le precedenti )

La vendemmia 2014 è caratterizzata dalla mancanza di una “stagione” dell’anno, non abbiamo avuto l’estate così come si lamentano i turisti e gli albergatori nelle zone di mare: ha piovuto una quantità incredibile di acqua e non solo, da marzo sino ai primi di agosto facendo basse temperature che hanno condizionato la maturazione, dopo una parentesi di caldo in agosto, le piogge e il freddo sono tornati in settembre. La tramontana, nostra alleata nel fare una buona vendemmia, non si è fatta sentire per tutto settembre e ci ha regalato solo quattro o cinque giorni per raccogliere quello che è rimasto.

Mai come quest’anno abbiamo dedicato tempo e cure per fare il vino ma il raccolto dell’uva che ci serve per il Brunello e il Rosso di Montalcino è stato inferiore del 40% rispetto alle potenzialità.

Abbiamo finito la vendemmia 2014 proprio oggi e dalle prime analisi il grado alcolico si attesterà attorno ai 13 °, l’acidità, incluso il malico, sostenuta a 7,5 gr/lt con un livello di profumi e di colore sufficiente. Tutto sommato qualche giorno fa eravamo più pessimisti.

L’andamento climatico del 2014 è risultato simile al 2002, noi non c’eravamo ancora in quella annata, siamo partiti con una serie di splendide annate (2004,2006,2007, 2010) e tutte le altre da quattro stelle cioè più che buone e di conseguenza siamo realisti e diciamo: doveva accadere !!

Mai come prima dobbiamo stare attenti alle dichiarazioni pubblicitarie !!! Alla fine giudicheranno i consumatori e i mercati tra cinque anni.





  Lasciare un commento | Leave a comment